Iscriviti alla newsletter

(inserisci la tua e-mail)

Doloredoc ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Verifica qui!

Home : Servizi : Professione medico

Pro e Contro

Data aggiornamento: 22/02/2011

Pareri in terapia del dolore a confronto


In questa rubrica desideriamo proporre temi di grande rilievo, ma scarsamente trattati dalla letteratura scientifica, e raccogliere il vostro parere a favore o contro.


01/02/2011 - 10/02/2011
L'USO DELLE PRATICHE DI MEDITAZIONE PER IL CONTROLLO DEL DOLORE



A cura di
Prof. G. Pagliaro e Prof. A. Salvini
Opzione scientifica che riconosce l’efficacia della meditazione nel controllo del dolore
Prof. G. Pagliaro
| Opzione scientifica che non riconosce l’efficacia della meditazione nel controllo del dolore
Prof. A. Salvini

Nella gamma delle pratiche di gestione del dolore la meditazione è sicuramente quella che attrae maggiormente la curiosità degli psicologi, dei medici e dei sanitari in generale.
Non è così semplice trovare una definizione che sappia conciliare il rigore scientifico con la indispensabile coerenza con la saggezza spirituale da cui proviene.

In ambito sanitario la meditazione può essere definita come un addestramento alla presenza mentale che attraverso l’acquietamento della mente e un livello profondo di consapevolezza agisce sul piano fisico, energetico, psicologico e spirituale, contribuendo alla guarigione e al benessere.
Numerose sono le ricerche scientifiche che dimostrano l’efficacia della meditazione nel mantenimento della salute e nel trattamento di svariate malattie e disturbi psicologici.

Come è noto il primo studio scientifico sull’efficacia della meditazione nella cura dell’ipertensione risale al 1935, e fu condotto dalla cardiologa francese T. Brosset. Saranno però, nella metà degli anni 60 gli studi del cardiologo H. Benson e del suo gruppo della Harvard Medical School di Boston a dimostrare per la prima volta nel mondo scientifico occidentale l’efficacia della meditazione nel trattamento di molti disturbi psicologici: ansia, depressione, stress, panico, oltre che nella cura (associata alle terapie farmacologiche) di ipertensione, disturbi digestivi, patologie cardio-vascolari, colon irritabile, cefalee e dolore.

Quale opzione scientifica sceglieresti?

  • A - Opzione scientifica che riconosce l’efficacia della meditazione nel controllo del dolore

  • B - Opzione scientifica che non riconosce l’efficacia della meditazione nel controllo del dolore


  • Risultato finale del sondaggio:

    • A - 86,11%

    • B - 13,89%

Ecco i pareri di due esperti che sostengono l'uno la causa a favore e l'altro quella contro.

Opzione scientifica che riconosce l’efficacia della meditazione nel controllo del dolore
Prof. G. Pagliaro
| Opzione scientifica che non riconosce l’efficacia della meditazione nel controllo del dolore
Prof. A. Salvini
Spedisci questa pagina ad un amico    Apri questa pagina in versione stampabile

ACCEDI
ai servizi riservati

E-mail

Password




Cerca nel sito

Ricerca Avanzata >>

Flash sul dolore

15/12/2015
Dolore: dare voce e cura a chi non ha voce. Un progetto della Fondazione Paolo Procacci
Gli anziani con deficit cognitivi hanno minori probabilità di ricevere un adeguato trattament...
1/6

Giovedì 27 luglio 2017
Data ultimo aggiornamento