Nuovo messaggio      Rispondi al messaggio

Mittente ady
Oggetto dolore anca-gamba...
Data 19/11/2008 8.44.53

Testo del messaggio

buon giorno, mi chiamo adelia, scrivo da torino, ho 40 anni, non ho figli,
vivo una vita piuttosto sedentaria, di professione faccio l'impiegata.

premesso questo quadro generale, vorrei sottoporvi il mio caso:
ad inizio settembre 2007 mi sono iscritta ad un corso di yoga.
molto rilassante, con movimenti lenti, senza sforzi, ecc.
cmq dopo un paio di lezioni, ho cominciato ad accusare un dolore
all'inguine lato dx.
dopo circa 3 settimane, poichè non passava, ho smesso di
frequentare il suddetto corso,
e mi sono recata dal mio medico curante, che mi ha diagnosticato
una semplice PUBALGIA, che si sarebbe risolta al massimo nel giro
di un paio di settimane.

a fine ottobre la situazione non era migliorata. anzi!
iniziavo ad accusare anche un dolore alla natica/anca (sempre lato dx).
sono ritornata dal medico, il quale mi ha prescritto un antinfiammatorio,
con sono andata avanti sino a fine novembre. senza esito.

il 07/11/07, a seguito crisi acuta in fase di guida
dell'automobile,
mi sono recata anche al pronto soccorso, ma mi hanno liquidato dicendomi di mettere dei cerotti
transdermici e rinviandomi al medico curante.
non ricevendo alcun beneficio con i Trans Act Lat, sono tornata dal mio medico,
ma secondo il suo parere, io ero un’ipocondriaca…

il 17/11/07 su consiglio di conoscenti, non sapendo da dove cominciare,
ho fatto a pagamento un ecodoppler agli arti inf. ma risultava tutto a posto.

nel frattempo, ho cambiato il medico di base.
il nuovo dottore mi ha subito prescritto una radiografia al bacino,
fatta in data 22/11/07, dalla quale è emerso che c'è una modesta COXARTROSI (un pò precoce vista l'età),
per la quale consiglia "movimento". peccato che il dolore misto a scosse è sempre più insistente,
tale da impedire diversi movimenti, e dalla natica si irradia alla coscia, al polpaccio e al tallone.

da metà dicembre a metà gennaio circa, ho speso un patrimonio in
sedute da un massoterapico (a pagamento), che si limitava a farmi delle
punturine omeopatiche, che avevano solo l'effetto di bruciare,
perchè secondo lui si trattava, senza ombra di dubbio,
di una INFIAMMAZIONE DELL'ILEO PSOAS. nessun giovamento.

stufa di farmi rubare i soldi, sono tornata dal mio nuovo medico che mi manda da un ortopedico
con la lastra, il quale l'11/01/08 mi ha prescritto:
una risonanza magnetica al bacino, fatta il 25/01/08, dalla quale
però non è emerso nulla di nuovo.

torno dal medico con l'esito della risonanza, che mi prescrive
1) ecografia al bacino dalla quale viene fuori il 05/02/08 che ho
tre BORSITI.
2) un'ulteriore visita c/o ortopedico.

quest'ultimo il 08/02/08 vedendo l'esito dell'ecografia, mi
consiglia di fare della magnetoterapia,
così ho affittato la "macchinetta" e per un mese ho fatto
una seduta al giorno alla massima frequenza x un ora. neanche a dirlo: nessun miglioramento!

ritorno dal medico, mi manda da un secondo ortopedico (sempre a pagamento!),
che il 01/04/08 mi prescrive un'ulteriore risonanza magnetica alla
schiena, perchè secondo il suo illustre parere, nessuno aveva ancora
capito che c'è sicuramente un ERNIA.
il 23/04/08 eseguo l'esame ma di ernie neanche l'ombra, in compenso spunta un'altra novità:
nella zona lombare rilevano un ANGIOMA VERTEBRALE.
(il tecnico suggerisce di fare una T.A.C. ma sia il
mio medico di base che l'ortopedico, sono contrari
perchè sostengono che l'angioma non provoca dolore).

allora ritorno da quest'ultimo ortopedico (sempre a pagamento!),
che vedendo l'esito della risonanza, cambia le carte in tavola,
dicendo che visto il dolore si tratta di FUOCO DI S. ANTONIO,
quindi a questo calvario, segue una cura per 40 giorni a base iniezioni di
Dobretin+Tricotin+Celebrex. effetto ottenuto : n e s s u n o.

ritorno (e ripago!), 27/05/08 sono tornata dall'ortopedico dicendo
che nonostante la cura, il dolore non accenna a diminuire,
e mi sento rispondere che io ero la "donna del mistero" che "forse"
(ma è possibile pagare x sentirsi dare una risposta così?)
potrebbe trattarsi di NEVRITE VIRALE. - no comment -

mi ha prescritto un' elettromiografia agli arti inferiori.
risultato: il 10/06/08 sull'esito mi scrivono che c'è qualcosa che non va, ma non si capisce cosa...

nel mese di luglio sempre tramite consiglio di conoscenze (come
ultima spiaggia), un prete fisioterapista fuori torino,
una brava persona per carità, però quando mi ha visitata, mi ha
massacrata con delle strane manovre
e mi ha detto che di trattava di FIBRO MIALGIA di natura psicosomatica.

inoltre, nel frattempo, sempre a pagamento, sempre nella speranza di un pò di sollievo, ho fatto anche taker terapia e
agopuntura (2 sedute a settimana x un mese).
altro salasso economico senza esito, ma soprattutto,
ogni professionista con una DIAGNOSI DIVERSA!

ma non è finita, sempre x via di passaparole e conoscenze,
sono andata in un centro in cui il chiropratico che mi ha seguito
sostiene che la coxartrosi non c'è,
ma ho "solo" un PROBLEMA ARTICOLARE dovuto al disallineamento della mandibola (?),
anche qui però, sedute di crioterapia + trazione = dolorose, nonchè
costose, ma con l'unico esito di avere più male di prima.

tutti il mese di settembre + ottobre, sono andata da un osteopata una volta alla settimana.
il quale sostiene che si tratta di una “semplice” SCIATALGIA dovuta all'uso dei tacchi alti (?).
l'unica nota positiva di quest’ultimo, è che a differenza degli
altri, sembra onesto sul piano economico,
il problema però è che si ostina a farmi delle manovre x sbloccare la schiena (dove non ho male!),
ma i soliti problemi (natica, anca,coscia, polpaccio…), sono
invariati.

concludendo: la cosa assurda è che a distanza di un anno, nessuno capisce qual'è la causa,
tantomeno riesce a suggerirmi la cura, intanto però il dolore mi accompagna costantemente,
tanto che faccio sempre più fatica non solo a camminare ma anche a
svolgere i normali gesti quotidiani
come indossare le calze.
il tempo passa, e tutto il lato dx della coscia dx è diventato molto sensibile, anche a sfiorarlo.
ho la sensazione continua che qualcuno mi "strappi" il muscolo,
accompagnata da formicolii vari, crampi e scosse.

possibile, mi chiedo, che ogni specialista da cui vado, riesce a trovarmi una patologia diversa ?
possibile che di fronte alla mia "richiesta di aiuto" sappiano rispondermi solo:
"i dolori, spesso, come vengono se ne vanno, durante i picchi, assumere voltaren" ?
so che dr. house non esiste, ma confido che qualcuno si prenda a cuore la causa. grazie





Informazioni